info@ilcavallobianco.it
INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: "TUTTI IN CAMPO PER UNA CITTA' MULTICULTURALE 2005" l'idea di un "laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio" Ť alla base dell'iniziativa che si svolgerŗ a Roma dal 26 maggio al 1 luglio 2005 si svolgerŗ a Roma la Quattordicesima Edizione della manifestazione ďTUTTI IN CAMPO PER UNA CITTņ MULTICULTURALE Ė XIV EDIZIONEĒ, festa di sport, cultura e integrazione sociale. ... -> ... INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: - UNA CASA FAMIGLIA PER I BAMBINI DI BEGOMEL - vuoi partecipare al progetto per realizzare una casa famiglia per i Bambini di Begomel, a Minsk, Bielorussia, puoi contattarci a info@ilcavallobianco.it, ed inviare il tuo contributo al conto dell'Associazione Il Cavallo Bianco, C/C BANCARIO 23437/11 ABI 3002 CAB 05029 CIN Q. APPUNTAMENTI: Giovedž 23 giugno 2005, ore 21,00 - Happening Teatrale "PINOCCHIO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE" Oratorio Parrocchia S. Stanislao - Via Rolando Vignali, 15 Roma (Cinecittŗ Est) .... -> ...

ARGOMENTI

[ Home Page ]


..: TUTTI IN CAMPO :..

Cittadinanza Attiva

L'Associazione

Impegno Civile e Impegno Sociale

Progetti

Handicap e Sessualità

IntegrAzione

Cultura

Scripta Manent - Pensieri e Parole

Teatro e dintorni

Sport ed espressività

I Bambini di Begoml

La rete

Rassegna Stampa

Testimonials







LOGIN
REDATTORI









Cooperativa TANDEM

immagine Rivista Animazione Sociale

Logo Caritas

locandina del film - il ronzio delle mosche - di Dario D'Ambrosi


Logo Disabili .com - oltre le barriere
Handicap e Sessualità

GLI OPERATORI "CORPOREI"

Un workshop di formazione per gli assistenti

"Handicap e sessualità" è il tema trattato dal workshop svoltosi a Roma nei giorni di sabato 1 e domenica 2 marzo 1997, organizzato dal Centro italiano psicomotricità, in collaborazione con il Co.In. e l'Associazione volontari "Il Cavallo Bianco".
Hanno partecipato in qualità di relatori e coordinatori dell'esperienza: il dottor Rosario Di Sauro (psicologo e psicoterapeuta, direttore del Cip e docente del Sirpidi di Roma), la professoressa Adele Fabrizi (docente di psicologia e psicopatologia del comportamento sessuale presso l'Università "La Sapienza" di Roma), il dottor Angelo Pennella (psicologo e psicoterapeuta, docente di psicoterapia presso l'Università "La Sapienza" di Roma).
Un workshop è un laboratorio di natura teorico-pratica. L'esperienza teorica sottolinea il concetto di sessualità al di là della pura genialità. L'atto sessuale non deve essere inteso come uno sfogo biologico, bensì come un evento psicosomatico caratterizzato dagli aspetti relazionali, intrapsichici e sociali. Una delle difficoltà è la conoscenza del proprio corpo. Ulteriori ostacoli sono imposti dall'opinione pubblica che spesso ed impropriamente si interessa alla sessualità. Una frequenza che ha risvolti positivi e negativi: positivo va considerato il crescente desiderio di comprendere il fenomeno, negativa invece l'esigenza di prendere le distanze da un tema troppo coinvolgente.
In particolare, il workshop era incentrato su una situazione specifica: l'analisi del soggetto disabile come soggetto. In questo caso è opportuno accantonare il concetto di prestazione puramente fisica per eliminare l'immagine distorta e parziale della sessualità nel disabile, che talvolta attraverso un'esplicita richiesta sessuale ricerca un'implicita risposta di carattere essenzialmente affettivo.
Nasce quindi la necessità di promuovere una valutazione qualitativa dell'esperienza sessuale e di eliminare l'idea di prestazione come dovere. Il disabile, psichico o fisico che sia, è una persona come le altre. Ha desideri e bisogni di carattere sociale, emozionale ed intellettuale. Fondamentali si rivelano l'informazione, la comunicazione e la competenza in materia da parte di tutti: diretti interessati, parenti, amici, operatori e terapeuti. Solo chi è molto informato e competente può comprendere fino in fondo le problematiche proprie ed altrui per produrre risposte esaustive.
La non-conoscenza è fonte di disagio ed insicurezza, componenti negative durante il processo di formazione del concetto di sè. L'autostima è necessaria per potersi relazionare in modo competitivo con il mondo che ci circonda in ogni ambito e situazione: per questo che l'attenzione è rivolta alla comunicazione.
Non è facile interpretare e tradurre correttamente le sensazioni che si provano durante una relazione, perchè molto spesso non siamo in grado di percepirle. L'importante è non improvvisare, ma affidarsi ai consigli di un formatore competente che fornisca i mezzi per poter utili a noi stessi ed agli altri. Per questo molta rilevanza è stata data alle esperienze pratiche sui vissuti corporei, durante le quali gli operatori misurano le proprie capacità di comunicare attraverso il corpo, fuori dai canoni dell'usuale comunicazione vocale o visiva.
Un'esperienza nuova per molti e per questo interessante.

CARLO FAVARETTO
FINESTRA APERTA, mensile UILDM - Roma, numero 4, aprile 1997

top




Sito del progetto Humus
Intervento di Cooperazione Internazionale a favore delle Vittime di CHERNOBYL





www.vita.it - non profit online

IN BACHECA

cartolina di Natale

locandina spettacolo teatrale

locandina spettacolo teatrale

Protocollo d'intesa

PROTOCOLLO D'INTESA
Italia - Bielorussia


La Casa Famiglia

Accoglienza dei bambini di Begoml 27 maggio - 1 luglio 2005

Il progetto "UNA CASA FAMIGLIA" per i bambini di Begoml
C/C BANCARIO 23437/11 - ABI 3002 - CAB 05029 - CIN Q


Logo Fondazione PFIZER il progetto Ť stato realizzato con il contributo della FONDAZIONE PFIZER

Laboratorio Permanente

Laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio

Youth Action for Peace
Logo Pax Christi Roma
Logo Rivista Libera
Logo Rivista Mondialitŗ
Comunitŗ Exodus
Logo Gruppo Fonderia
Logo Comunitŗ di Sant Egidio
Logo L'Isola che non c'era
cartolina di Natale
auguri di Natale 2004
Bandiera della Pace
Logo Anno Europeo dei Disabili 2003

Logo di Cittadinanza ai disabili mentali in povertŗ