info@ilcavallobianco.it
INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: "TUTTI IN CAMPO PER UNA CITTA' MULTICULTURALE 2005" l'idea di un "laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio" Ť alla base dell'iniziativa che si svolgerŗ a Roma dal 26 maggio al 1 luglio 2005 si svolgerŗ a Roma la Quattordicesima Edizione della manifestazione ďTUTTI IN CAMPO PER UNA CITTņ MULTICULTURALE Ė XIV EDIZIONEĒ, festa di sport, cultura e integrazione sociale. ... -> ... INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: - UNA CASA FAMIGLIA PER I BAMBINI DI BEGOMEL - vuoi partecipare al progetto per realizzare una casa famiglia per i Bambini di Begomel, a Minsk, Bielorussia, puoi contattarci a info@ilcavallobianco.it, ed inviare il tuo contributo al conto dell'Associazione Il Cavallo Bianco, C/C BANCARIO 23437/11 ABI 3002 CAB 05029 CIN Q. APPUNTAMENTI: Giovedž 23 giugno 2005, ore 21,00 - Happening Teatrale "PINOCCHIO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE" Oratorio Parrocchia S. Stanislao - Via Rolando Vignali, 15 Roma (Cinecittŗ Est) .... -> ...

ARGOMENTI

[ Home Page ]


..: TUTTI IN CAMPO :..

Cittadinanza Attiva

L'Associazione

Impegno Civile e Impegno Sociale

Progetti

Handicap e Sessualità

IntegrAzione

Cultura

Scripta Manent - Pensieri e Parole

Teatro e dintorni

Sport ed espressività

I Bambini di Begoml

La rete

Rassegna Stampa

Testimonials







LOGIN
REDATTORI









Cooperativa TANDEM

immagine Rivista Animazione Sociale

Logo Caritas

locandina del film - il ronzio delle mosche - di Dario D'Ambrosi


Logo Disabili .com - oltre le barriere
Sport ed espressività

Giocare a calcio nei territori occupati

Il Bnei Sakhnin, squadra della Galilea arrivata fino in coppa Uefa, e l'Akei Nazareth amalgamano arabi e ebrei, nativi d'Israele e non, europei, brasiliani e africani. E ora la scommessa della Palestina allenata da Azmi Nassar

Nell'estate del 2003, mentre le cronache continuavano a scandire giornate di sangue e terrore con attacchi incrociati di razzi su Israele e missili "chirurgici" dell'esercito della stella di David, un piccolo club arabo di Nazareth vinceva la sua battaglia per la qualificazione nella prima divisione del campionato israeliano. Il calcio segue da queste parti un suo particolare corso: √ɬ® il campo pi√ɬĻ avanzato di taluni stupefacenti esperimenti di convivenza pacifica, interetnica e interconfessionale, rivendicati come tali dai loro stessi artefici. E' forse questo che dava una marcia in pi√ɬĻ all'Akei nazzareno, il cui successo si specchiava in quello del Bnei Sakhnin, squadra arabo-israeliana della Galilea protagonista della straordinaria impresa sportiva di percorrere in un decennio il cammino dalla quinta categoria alla serie maggiore. Con tale carica inerziale da sospingerla fino a conquistare lo scorso maggio la Coppa d'Israele - fatto inedito per un team arabo - e il clamoroso ingresso nel salotto Uefa delle migliori. Con un mister israelita, Eyal Lahman, in panchina.

Un anno e mezzo fa il mister alla guida dell'Akei Nazareth era l'arabo di passaporto israeliano Azmi Nassar. E questa sembra la pietra filosofale scoperta dai due team: la capacit√ɬ† (rivendicata) di aggregare e amalgamare senza diffidenze arabi ed ebrei, nativi d'Israele e non, europei, brasiliani e africani chiamati di rinforzo a sostenerne gli impegni del calcio di vertice. Sicch√ɬ® quando alla Federcalcio palestinese √ɬ® sorto il dilemma di come sostituire l'austriaco Alfred Riedl sotto il cui comando √ɬ® stata mancata la qualificazione alla fase finale della Coppa del Mondo 2006 (la Palestina √ɬ® finita terza nel suo gruppo asiatico di 4 contendenti), la scelta √ɬ®caduta su Nassar, designato a Capodanno. Scelta non facile: bench√ɬ® Nassar abbia nel suo curriculum la creazione dal nulla della selezione palestinese negli anni `90, ci√ɬ≤ avveniva quando i rapporti tra l'Anp e Israele erano pi√ɬĻ distesi. Tanto che il suo insediamento √ɬ® rimasto inizialmente impastoiato nella macchina diplomatica: "Di norma - precisava a caldo sulla nomina un portavoce dell'esercito israeliano - vietiamo l'accesso a Gaza ai cittadini israeliani salvo ai volontari in missione umanitaria e ai giornalisti". In virt√ɬĻ del suo incarico, Nassar ha ottenuto un permesso speciale. Il presidente della federazione palestinese Ahmed al-Afifi ha sottolineato, fra le doti del neo-ct, proprio la facolt√ɬ† di muoversi rapidamente e senza intoppi, in forza alla sua nazionalit√ɬ†, dai territori occupati a Gaza attraverso Israele. Cosa impossibile ai palestinesi, giocatori compresi.

Nassar √ɬ® innanzi tutto uomo di sport, sebbene la tensione sulla striscia non faciliti il miglior viatico alla sua avventura. "La gente di Nazareth - ricorda - mi aveva accettato: sono uno di loro e sanno da che parte batte il mio cuore. In Palestina conoscono le mie radici". La selezione potr√ɬ† contare su giocatori di Gaza, del West Bank, e fuoriusciti, due dei quali giocano nella prima divisione cilena. Nassar ha inventato a suo tempo la nazionale palestinese, che fall√ɬ¨ la qualificazione alla fase finale del mondiale coreano-giapponese. Mai ha fatto mistero di vedere il mondo del pallone col prisma iridescente del melting pot dei suoi attori: "Qui abbiamo fatto proprio un bel cocktail - commentava dell'Akei - con arabi, ebrei, israeliani, ungheresi, brasiliani. Larry Kingston √ɬ® ghanese. Bianchi e neri". In una societ√ɬ† in cui sono le stesse comunit√ɬ† a leggersi secondo le rispettive differenze etnico-religiose. Identit√ɬ† e limes. Perlopi√ɬĻ insormontabili. Che solo il calcio pare qui aver esondato. Qui dove i segni significano di pi√ɬĻ, e sono sovraccarichi di valenze. In questo caso, cos√ɬ¨ anticonservatrici che padre Emile Ruhana, pastore cristiano delle due confessioni ortodosse di Sakhnin, riconosce nella vincente squadra del Bnei il fattore fondativo di un'identit√ɬ† cittadina altrimenti mai condivisa: dove i matrimoni misti sono un tab√ɬĻ; dove l'esigua minoranza cristiana √ɬ® separata in due comunit√ɬ† tra loro invise che non riescono nemmeno a riconoscersi in un comune calendario di festivit√ɬ† religiose: 600 greco-ortodossi e altrettanti greco-cattolici uniati attaccati alla tradizione in modo assertivo di una diversit√ɬ† incomunicante in una cittadina di 25.000 residenti, in maggioranza musulmani, fra cui vivono ebrei marocchini, arabi cristiani, drusi. "Il calcio √ɬ® oggi il cuore e l'anima della citt√ɬ† - confessava padre Ruhana al giornale israeliano Haaretz il 2 gennaio, alla vigilia del Natale ortodosso in via di celebrazione la settimana successiva - e la gente √ɬ® unita solo sotto i colori del Bnei, tanto i musulmani come i cristiani; d'altro canto, tutti gli arabi d'Israele fanno il tifo per Sakhnin". Squadra-parabola di quanti si sentono reietti eppure alla ricerca di nuova dignit√ɬ†. La forza dei simboli; che hanno per√ɬ≤ anche il loro negativo. Ecco allora che nei giorni del voto palestinese, il Sakhnin va a vincere meritatamente l'8 gennaio in casa del Betar e il dopo-partita √ɬ® segnato a Gerusalemme da una gazzarra antiaraba messa in atto da oltranzisti ebrei con un bilancio di 15 arresti e vari contusi. In mattinata i tifosi arabi si erano recati alla Spianata delle moschee per pregare alla vittoria della loro squadra. Tante sono le tensioni che il match perso sabato dal Bnei con l'Hapoel Tel Aviv ha innescato una controversia: l'arbitro Assaf Keinan ha accusato un dirigente del Sakhnin, Shaher Halaila, di averlo preso a pugni. Mostrando un video che scagionerebbe Halaila, un dirigente del club ha parlato di "cospirazione".

Il calcio rappresentato √ɬ® del resto ovunque dopato da questa forza evocativa al punto che il compassato Die Welt, l'11 gennaio, chiede a Nassar se la sua nomina sia coerente con le prospettive di una riapertura del dialogo israelo-palestinese all'indomani dell'elezione di Abu Mazen. "Non mi occupo di politica", rispondeva il ct. E se c'√ɬ® un calcio fatto di sogni, riscatto, successi e frustrazioni personali; giocato da concrete persone che li immedesimano nell'ambizione di vincere assieme una partita mettendovi dentro orgoglio e vis pugnandi; fatto del piacere di giocare a pallone, che appartiene a tanti, e di ammirare le prodezze di quelli pi√ɬĻ bravi che non a caso sono diventati professionisti; c'√ɬ® per√ɬ≤ anche un calcio-rappresentazione che registi, attori e spettatori inoculano delle loro diverse proiezioni. Quando questo calcio monta in scena, le rinvia in modo puntualmente contraddittorio perch√ɬ® incapace di elaborarle. Accade a Roma come a Amsterdam, dove il presidente dell'Ajax, Jaakke, ha proposto formalmente una decina di giorni fa di rinunciare al retaggio ebraico del club per evitare di esacerbare gli animi sia di quanti vi si riconoscono con ostentazione identitaria che di quanti vi catalizzano contro l'odio antisemita. In Olanda √ɬ® aperto un dibattito vivace.

Ogni tanto bisognerebbe però rileggere i maestri: "Tra gli spettacoli, oggi, abbiamo una sola forma di rappresentazione da cui è esclusa la passione individuale: lo sport. Il pubblico di una partita di calcio - scriveva Roland Barthes su Thèàtre Populaire nel lontano 1953 - è capace di far propri i gesti esteriori dello scontro cui assiste, l'esultanza, lo scontento, l'attesa, al cospetto di una narrazione vicina a una grande problematica morale: la dimostrazione empirica dell'eccellenza. Purtroppo, questa venerazione lascia intravedere la distanza che separa lo sport dalle grandi tragedie antiche, suscitando unicamente una morale della forza; mentre il teatro di Eschilo (Orestea) o di Sofocle (Antigone) provocava nel suo pubblico una vera emozione politica, esortandolo a piangere l'uomo invischiato nella tirannia di una religione barbara o di una legge civica disumana". Qualsiasi simbolo gli si appiccichi addosso, c'è qualcosa che il calcio, la sua rappresentazione, non riesce proprio a fare: surrogare la politica.

MARCO PERISSE
IL MANIFESTO, Mercoledì 2 Febbraio 2005

Sito Web: www.ilmanifesto.it

top




Sito del progetto Humus
Intervento di Cooperazione Internazionale a favore delle Vittime di CHERNOBYL





www.vita.it - non profit online

IN BACHECA

cartolina di Natale

locandina spettacolo teatrale

locandina spettacolo teatrale

Protocollo d'intesa

PROTOCOLLO D'INTESA
Italia - Bielorussia


La Casa Famiglia

Accoglienza dei bambini di Begoml 27 maggio - 1 luglio 2005

Il progetto "UNA CASA FAMIGLIA" per i bambini di Begoml
C/C BANCARIO 23437/11 - ABI 3002 - CAB 05029 - CIN Q


Logo Fondazione PFIZER il progetto Ť stato realizzato con il contributo della FONDAZIONE PFIZER

Laboratorio Permanente

Laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio

Youth Action for Peace
Logo Pax Christi Roma
Logo Rivista Libera
Logo Rivista Mondialitŗ
Comunitŗ Exodus
Logo Gruppo Fonderia
Logo Comunitŗ di Sant Egidio
Logo L'Isola che non c'era
cartolina di Natale
auguri di Natale 2004
Bandiera della Pace
Logo Anno Europeo dei Disabili 2003

Logo di Cittadinanza ai disabili mentali in povertŗ