info@ilcavallobianco.it
INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: "TUTTI IN CAMPO PER UNA CITTA' MULTICULTURALE 2005" l'idea di un "laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio" Ť alla base dell'iniziativa che si svolgerŗ a Roma dal 26 maggio al 1 luglio 2005 si svolgerŗ a Roma la Quattordicesima Edizione della manifestazione ďTUTTI IN CAMPO PER UNA CITTņ MULTICULTURALE Ė XIV EDIZIONEĒ, festa di sport, cultura e integrazione sociale. ... -> ... INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: - UNA CASA FAMIGLIA PER I BAMBINI DI BEGOMEL - vuoi partecipare al progetto per realizzare una casa famiglia per i Bambini di Begomel, a Minsk, Bielorussia, puoi contattarci a info@ilcavallobianco.it, ed inviare il tuo contributo al conto dell'Associazione Il Cavallo Bianco, C/C BANCARIO 23437/11 ABI 3002 CAB 05029 CIN Q. APPUNTAMENTI: Giovedž 23 giugno 2005, ore 21,00 - Happening Teatrale "PINOCCHIO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE" Oratorio Parrocchia S. Stanislao - Via Rolando Vignali, 15 Roma (Cinecittŗ Est) .... -> ...

ARGOMENTI

[ Home Page ]


..: TUTTI IN CAMPO :..

Cittadinanza Attiva

L'Associazione

Impegno Civile e Impegno Sociale

Progetti

Handicap e Sessualità

IntegrAzione

Cultura

Scripta Manent - Pensieri e Parole

Teatro e dintorni

Sport ed espressività

I Bambini di Begoml

La rete

Rassegna Stampa

Testimonials







LOGIN
REDATTORI









Cooperativa TANDEM

immagine Rivista Animazione Sociale

Logo Caritas

locandina del film - il ronzio delle mosche - di Dario D'Ambrosi


Logo Disabili .com - oltre le barriere
Cultura

UNA RECENSIONE AL NOSTRO ULTIMO FILM

PAVIMENTO A MATTONELLA - di Umberto Lucarelli

scritto di Marco Calì

Un gruppo di cinque persone sono sedute su un bellissimo pavimento in parquet, al centro di una palestra a forma circolare. Tutto intorno la palestra è circondata, per circa metà della sua circonferenza, da enormi finestroni che arrivano fino a terra, attraverso i quali filtra la luce del sole, illuminandone tutto lo spazio. All'interno di questo spazio dorato, alcuni ragazzi e adulti si incontrano periodicamente, sostenuti dalla presenza di uno psicologo. Queste sono le prime immagini del cortometraggio che ho avuto occasione di vedere recentemente. Sono rimasto particolarmente toccato dal lavoro del regista Umberto Lucarelli, che a mio modesto parere, riesce a mostrare realtà di vita particolari, in un modo molto delicato e intenso allo stesso tempo. Egli non racconta, ma ritrae il mondo interno di ogni protagonista con molta delicatezza.


Malgrado la limitatezza dei mezzi tecnici di realizzazione, il linguaggio visivo della telecamera assume il ruolo preciso e attento di uno sguardo che si avvicina gradualmente al mondo che ogni protagonista porta dentro di s√ɬ®, e si rende partecipe dei loro vissuto. La cinepresa diventa essa stessa lo sguardo interno delle persone, assumendo il ruolo di un occhio attento che accarezza le verit√ɬ† pi√ɬĻ intime e nascoste di ognuno dei protagonisti, riuscendo a far giungere allo spettatore il soffio della loro anima. Ogni sguardo, ogni gesto, ogni inflessione di voce o movimento corporeo, diventano la narrazione emotiva di ognuno di loro, restituendo ai protagonisti un'immagine naturale e spontanea.


Giorgio, il protagonista, responsabile del gruppo di ragazzi con i quali si incontra all'interno della palestra, si scontra nella difficoltosa relazione con Sonia, una bambina che non vuole parlare per paura di perdere la voce, e quindi non riesce a esprimere i suoi sentimenti nel modo come forse si aspetterebbe Giorgio, e pertanto, quest'ultimo non riesce a contattare le paure della bambina. Egli è una persona che fa il suo mestiere con criterio e coscienza, e crede di poter migliorare le condizioni dei ragazzi, convinto di cambiare qualcosa in loro, senza però tenere conto dei suoi sentimenti personali, quindi senza mettersi in gioco. In questo modo si viene a creare un sottile divario tra lui e i ragazzi. I loro rapporti, infatti, si basano tra chi conduce gli incontri, vale a dire Giorgio, e chi invece esegue le sue proposte : quando fa delle domande ai componenti del gruppo, questi rispondono solamente spinti dalla necessità di esaudire le sue aspettative. In questo modo la loro relazione appare impoverita.


All'interno del gruppo la bambina, di nome Sonia, tende ad isolarsi ascoltando la musica con le cuffie, mantenendo un silenzio sconcertante, attraverso il quale mette inconsapevolmente in discussione il ruolo e l'atteggiamento scientifico dello psicologo. Questo silenzio così ostinato, in realtà è ricco di contenuti e forse di denuncia. Esso traduce il rischio che esiste ogni qualvolta le parole sono espresse con un doppio significato, cioè quando i contenuti dettati dalla mente non coincidono con i contenuti espressi dal cuore. In questo modo le parole possono ferire la sincerità dell'anima. Sonia infatti esprime questo disagio attraverso il suo corpo, e, allo stesso tempo, lo esprime a nome di tutto il gruppo.


Umberto Galimberti in un articolo apparso su Repubblica nel gennaio 2001, ha scritto : "Bisogna avere il coraggio di vivere fino in fondo anche l'insignificanza dell'esistenza per essere all'altezza di un dialogo con il disagio mentale, e solo muovendosi intorno a questa sua verità, che è poi la verità che tutti gli uomini si affannano a non voler sentire, può aprirsi una comunicazione. Comunicazione rischiosa, non perchè ci può trascinare nella malattia, ma perchè può tradire la nostra insincerità. Chi soffre infatti è sensibile al volto che smentisce la parola, e il suo silenzio smaschera la finzione e l'inconsistenza."


Grazie a Sonia Giorgio avverte le difficolt√ɬ†, ma non si accorge della sua stessa difficolt√ɬ† a relazionarsi con "l'altro" fino a quando non si innamora di una donna, una parrucchiera che porta lo stesso nome della bambina. Egli si accorge di non essere capace di esprimere i sentimenti che nutre per lei. E' capace di farsi acconciare i capelli come mai avrebbe pensato di farlo in vita sua, pur di rimanere il pi√ɬĻ a lungo possibile nel negozio per poter guardare la donna, senza riuscire a entrare in relazione neanche quando lei gli fa delle domande, cos√ɬ¨ come accadeva la stessa cosa quando Giorgio faceva delle domande alla bambina.


Tutto cambia nel momento in cui Sonia, la bambina, porge un'audiocassetta a Giorgio per fargli ascoltare le sue parole sussurrate per paura che la sua voce possa svanire nel nulla e non torni mai pi√ɬĻ. La paura di Sonia ha lo stesso sapore di quella di Giorgio che non riesce a proferire parole appassionate nei confronti della donna per paura di essere rifiutato, cio√ɬ® per paura di perdere per sempre il suo sogno. Sono proprio quelle parole che non riesce a dire, e che forse non ha mai detto, che gli impediscono di entrare in relazione con i ragazzi e con la parrucchiera. Giorgio ha paura di lasciarsi andare per seguire il libero impulso dei propri sentimenti vitali. Questo non significa che non sia sensibile, ma le sue rigidit√ɬ† hanno preso le sembianze di una maschera che ha i colori dell'orgoglio, e non riesce ad andare oltre quello sguardo miope nascosto dietro il suo ruolo professionale scientifico di psicologo.


Giorgio nel momento in cui riesce a contattare le sue sensazioni emotive e corporee, grazie a Sonia, la donna, e a Sonia, la bambina, si mette in gioco interamente e ritrova tutto se stesso, il suo corpo, le sue emozioni, le sue idee, la sua persona. A questo punto √ɬ® possibile per lui entrare in relazione con la realt√ɬ† esterna, non pi√ɬĻ solo attraverso la mente, ma anche attraverso il suo corpo e il suo cuore. Tutto ci√ɬ≤ gli permette di vedere i ragazzi non pi√ɬĻ come pazienti, ma prima di tutto come "persone". Nel momento in cui contatta le sue emozioni profonde e il sentimento di sofferenza, il suo orgoglio di psicologo superparte, responsabile della vita di altre persone, viene meno.


Sono rimasto molto colpito da questo film, perchè all'interno della storia viene mostrato come sia possibile cambiare se stessi, dinanzi a un evento che tocca profondamente il protagonista. Un cambiamento interiore è sempre un atto coraggioso e difficile. Chi ha vissuto un'esperienza simile sa quanto sia destabilizzante mettere in discussione tutte le proprie certezze qualunque esse siano. Ma sa anche quanto sia gratificante ritrovare se stessi e sentirsi avvolti dall'esistenza altrui e sentire che il proprio cuore batte insieme a quello di altre persone.


Vorrei concludere proponendovi le parole significative di Umberto Galimberti
scritte nel medesimo articolo sopra citato:


"Lo sguardo di pietra che spesso viene ad assumere la sofferenza psichica vede troppa progettualità nello sguardo degli uomini, troppa speranza che vuole seppellire disperazione, troppo desiderio che la fine si traduca in un fine. E allora la sofferenza psichica va ascoltata perchè dice la verità che, con la nostra vita euforica, ogni giorno noi seppelliamo per la gioia della nostra epidermide. Anche il nostro cuore conosce la verità di questa sofferenza, quindi la verità pura e semplice, ma non la vuole riconoscere. Ed è così che il nostro cuore resta inascoltato. La prima funzione degli ansiolitici e degli antidepressivi è quella di mettere a tacere il nostro cuore. Per questo fuggiamo chi soffre, il suo sguardo di pietra è un atto d'accusa al silenzio che abbiamo imposto al nostro cuore.
Da almeno un secolo sappiamo che alla base del disagio psichico c'è una sofferenza affettiva. E l'amore non ha costi sociali. Lo si può diffondere con generosità e anche con piacere se solo le nostre anime non si sono del tutto desertificate. In caso diverso avremmo individuato la vera malattia dell'Occidente."

(Repubblica, 11 gennaio 2001)


Roma, 29 novembre 2004

Marco Cali

top




Sito del progetto Humus
Intervento di Cooperazione Internazionale a favore delle Vittime di CHERNOBYL





www.vita.it - non profit online

IN BACHECA

cartolina di Natale

locandina spettacolo teatrale

locandina spettacolo teatrale

Protocollo d'intesa

PROTOCOLLO D'INTESA
Italia - Bielorussia


La Casa Famiglia

Accoglienza dei bambini di Begoml 27 maggio - 1 luglio 2005

Il progetto "UNA CASA FAMIGLIA" per i bambini di Begoml
C/C BANCARIO 23437/11 - ABI 3002 - CAB 05029 - CIN Q


Logo Fondazione PFIZER il progetto Ť stato realizzato con il contributo della FONDAZIONE PFIZER

Laboratorio Permanente

Laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio

Youth Action for Peace
Logo Pax Christi Roma
Logo Rivista Libera
Logo Rivista Mondialitŗ
Comunitŗ Exodus
Logo Gruppo Fonderia
Logo Comunitŗ di Sant Egidio
Logo L'Isola che non c'era
cartolina di Natale
auguri di Natale 2004
Bandiera della Pace
Logo Anno Europeo dei Disabili 2003

Logo di Cittadinanza ai disabili mentali in povertŗ