info@ilcavallobianco.it
INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: "TUTTI IN CAMPO PER UNA CITTA' MULTICULTURALE 2005" l'idea di un "laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio" Ť alla base dell'iniziativa che si svolgerŗ a Roma dal 26 maggio al 1 luglio 2005 si svolgerŗ a Roma la Quattordicesima Edizione della manifestazione ďTUTTI IN CAMPO PER UNA CITTņ MULTICULTURALE Ė XIV EDIZIONEĒ, festa di sport, cultura e integrazione sociale. ... -> ... INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: - UNA CASA FAMIGLIA PER I BAMBINI DI BEGOMEL - vuoi partecipare al progetto per realizzare una casa famiglia per i Bambini di Begomel, a Minsk, Bielorussia, puoi contattarci a info@ilcavallobianco.it, ed inviare il tuo contributo al conto dell'Associazione Il Cavallo Bianco, C/C BANCARIO 23437/11 ABI 3002 CAB 05029 CIN Q. APPUNTAMENTI: Giovedž 23 giugno 2005, ore 21,00 - Happening Teatrale "PINOCCHIO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE" Oratorio Parrocchia S. Stanislao - Via Rolando Vignali, 15 Roma (Cinecittŗ Est) .... -> ...

ARGOMENTI

[ Home Page ]


..: TUTTI IN CAMPO :..

Cittadinanza Attiva

L'Associazione

Impegno Civile e Impegno Sociale

Progetti

Handicap e Sessualità

IntegrAzione

Cultura

Scripta Manent - Pensieri e Parole

Teatro e dintorni

Sport ed espressività

I Bambini di Begoml

La rete

Rassegna Stampa

Testimonials







LOGIN
REDATTORI









Cooperativa TANDEM

immagine Rivista Animazione Sociale

Logo Caritas

locandina del film - il ronzio delle mosche - di Dario D'Ambrosi


Logo Disabili .com - oltre le barriere
Cultura

LA SIGNORA O LA TIGRE? scritto da Frank R. Stockton e mai tradotto in italiano

ANTONIO DE HONESTIS, NOSTRO AMICO E GRANDE AMANTE DELLA LINGUA INGLESE, CI REGALA LA TRADUZIONE DI UN RACCONTO MOLTO CONOSCIUTO IN AMERICA, CHE CI INTRODUCE IN UNA RIFLESSIONE SULLA VITA COME INEVITABILITA' DELLA SCELTA

Lontano nel tempo viveva un re semi-barbaro, le cui idee, sebbene talvolta raffinate e rese pi√ɬĻ acute dal progressismo dei contemporanei distanti Latini, erano ancora grandi, floride, senza vincoli, come divenne poi la met√ɬ† di lui che era barbara. Era un uomo dall'immaginazione esuberante, e di una autorit√ɬ† cos√ɬ¨ irresistibile che, a suo volere, mutava le sue abilit√ɬ† in fatti. Era molto portato alla auto-comunione, e, quando lui e lui-stesso erano d'accordo su tutto, la cosa era fatta.
Quando ogni membro dei suoi sistemi politici e nazionali procedeva con calma nel suo percorso indicato, la sua natura era serena e geniale; ma, quandunque ci fosse un piccolo intoppo, e i suoi occhi uscivano dalle orbite, era ancor pi√ɬĻ blando e pi√ɬĻ geniale , perch√ɬ® nulla lo soddisfaceva di pi√ɬĻ come il rendere curvo il dritto e rendere regolare posti sconnessi.

Tra le nozioni prese in prestito per il quale il suo barbarismo era diffuso c'era quella di una arena pubblica, nella quale, con esibizioni di valori umani e bestiali, le menti dei suoi soggetti erano raffinate ed evolute.

Ma anche qui la sua immaginazione esuberante e barbara si affermava.
L'arena del re era costruita, non per dare alla gente un'opportunit√ɬ† di udire le rapsodie di gladiatori morenti, tanto meno per permettergli di vedere la conclusione inevitabile di un conflitto tra opinioni religiose e mascelle affamate, ma per il proposito molto meglio adattato di ampliare e sviluppare le energie mentali della gente. Questo vasto anfiteatro, con le sue gallerie tutt'intorno, i suoi misteriosi sotterranei, e i suoi passaggi segreti, era un agente di giustizia poetica, nel quale il crimine era punito, o la virt√ɬĻ ricompensata, tramite i decreti di una imparziale ed incorruttibile possibilit√ɬ†.

Quando un soggetto era accusato di un crimine di sufficiente importanza da interessare il re, un avviso pubblico veniva dato che ad un giorno fissato il fato della persona accusata sarebbe stato deciso nell'arena del re, una struttura che ben meritava il suo nome, perch√ɬ®, sebbene la sua forma e la sua pianta erano prestati da lontano, il suo proposito emanava solamente dalla mente di quest'uomo, il quale non conosceva altra tradizione alla quale doveva pi√ɬĻ lealt√ɬ† che soddisfacesse la sua immaginazione, che contemplando ogni forma adattata di pensiero e azione umani permetteva la ricca crescita del suo barbaro idealismo.

Quando tutta la gente si assemblava nelle gallerie, ed il re, circondato dalla sua corte, sedeva alto sul suo trono di stazza reale da un lato dell'arena, dava un segnale, una porta al di sotto di lui si apriva, ed il soggetto accusato entrava nell'anfiteatro. Proprio direttamente di fronte a lui, dall'altra parte dello spazio incluso, c'erano due porte, esattamente uguali ed affiancate. Era dovere e privilegio della persona in processo camminare verso queste porte ed aprire una di loro. Poteva aprire qualsiasi porta volesse; non era soggetto a nessuna guida tranne quella della summenzionata possibilit√ɬ† incorruttibile ed imparziale. Aprendone una, ne usciva una tigre famelica, la pi√ɬĻ feroce e crudele che potesse essere procurata, che immediatamente lo assaliva e lo faceva a pezzi come punizione per la sua colpa. Nel momento in cui il criminale in questione veniva cos√ɬ¨ giudicato, delle tristi campane di ferro suonavano, grandi gemiti venivano emessi dai lamentatori pagati a prestito posti all'esterno cerchio dell'arena, ed il vasto pubblico, con le teste chine e i cuori afflitti, tornavano lentamente a casa, lamentandosi immensamente che uno cos√ɬ¨ giovane e bello, o cos√ɬ¨ anziano e rispettato, avesse meritato un fato cos√ɬ¨ disastroso.

Ma, se la persona accusata apriva l'altra porta, ne sarebbe uscita una signora, la pi√ɬĻ adatta ai suoi anni e al suo stato che sua maest√ɬ† selezionava tra i suoi migliori soggetti, e a questa donna veniva immediatamente sposato, come ricompensa per la sua innocenza. Non era importante che lui avesse gi√ɬ† una moglie ed una famiglia, oppure che i suoi affetti fossero impegnati su un oggetto di propria scelta; il re non permetteva tali arrangiamenti subordinati che interferissero col suo grande schema di retribuzione e ricompensa. Gli esercizi, come nel precedente esempio, avevano luogo immediatamente, e nell'arena. Un'altra porta si apriva sotto il re, ed un prete, seguito da una banda di coristi, e da gioiose vergini suonando arie gioiose con trombe dorate e percorrendo misure epitalamiche, avanzavano dove si trovava la coppia, affiancata, ed il matrimonio era prontamente e serenamente celebrato. Poi le gaie campane d'ottone suonavano i loro felici scampanii, la gente urlava felici hurrah, e l'uomo innocente, preceduto da bambini che spargevano fiori sul suo passo, condotto dalla sua sposa a casa.

Questo era il metodo del re semi-barbaro, di amministrare la giustizia. La sua perfetta lealtà è ovvia. Il criminale non poteva sapere da quale porta sarebbe uscita la signora; apriva ciò che preferiva, senza avere la minima idea se, nel prossimo istante, sarebbe stato divorato o sposato. In alcune occasioni la tigre usciva da una porta, ed in altre dall'altra. Le decisioni di questo tribunale non erano solo leali, erano determinate positivamente: la persona accusata era istantaneamente punita se si trovava colpevole, e , se innocente era ricompensato direttamente, sia che gli piacesse o meno. Non c'era via d'uscita dai giudizi dell'arena del re.

L'istituzione era molto popolare. Quando la gente si riuniva assieme in uno dei grandi giorni di processo, non sapevano mai se avessero da testimoniare un sanguinoso massacro o un allegro matrimonio.Questo elemento di incertezza dava un interesse all'occasione che in altra maniera non avrebbe mai ottenuto. Così, le masse erano divertite e compiaciute, e la parte pensante della comunità non poteva caricare di slealtà il piano, perchè la persona accusata non aveva tutto il suo destino nelle sue mani?

Questo re semi-barbaro aveva una figlia cos√ɬ¨ fiorente come le pi√ɬĻ floride bellezze del padre, e con un'anima cos√ɬ¨ fervida ed imperiosa quale quella del padre. Com'√ɬ® tipico in questi casi, lei era la favorita speciale del padre, e lui l'amava al di sopra di tutta l'umanit√ɬ†. Tra i suoi cortigiani c'era un giovane con quella finezza di sangue e povert√ɬ† di status comuni agli eroi convenzionali da romanzo che amano le vergini reali. Questa vergine reale era ben soddisfatta col suo amante, perch√ɬ® era bello e coraggioso ad un grado insuperato in tutto il suo regno, e lei lo amava con un ardore che aveva abbastanza barbarismo per renderlo esageratamente caldo e forte. Questa love-story continu√ɬ≤ felicemente per molti mesi, finch√ɬ® al re non capit√ɬ≤ di scoprirne l'esistenza. Egli non esit√ɬ≤ o indugi√ɬ≤ sul suo dovere riguardo tali premesse. Il giovane fu subito posto in prigione, ed un giorno fu fissato per il suo processo nell'arena del re. Ci√ɬ≤, naturalmente, era un'occasione importante e speciale, e sua maest√ɬ†, come pure tutto il popolo, erano molto interessati nei lavori e negli sviluppi di questo processo. Mai prima era capitato un caso simile; mai prima un soggetto aveva osato amare la figlia del re. Negli anni successivi tali cose divennero comuni, e poi non furono, nemmeno un po', nuove o impressionanti.

Le gabbie per le tigri del regno erano ricercate per ospitare le bestie pi√ɬĻ selvagge ed implacabili, tra le quali il mostro pi√ɬĻ feroce sarebbe stato selezionato per l'arena; e le fila di belle giovani vergini di tutto il regno erano esaminate con cura da giudici competenti affinch√ɬ® il giovane avesse un matrimonio adeguato nel caso che il fato non determinasse per lui un destino differente. Naturalmente, ognuno sapeva che l'azione per la quale l'accusato era in debito era stata compiuta. Aveva amato la principessa, e ne lui, lei, o nessun altro, pens√ɬ≤ di negare il fatto; ma il re non pensava di permettere a nessuno che fatti di questo tipo interferissero con il lavoro del tribunale, nel quale egli provava molta delizia e soddisfazione. Non importava come andasse a finire la cosa, il giovane sarebbe stato esposto, ed il re avrebbe preso un piacere estatico nell'osservare il corso degli eventi, che avrebbero determinato se, o meno, il giovane avesse sbagliato nel permettersi di amare la pricipessa.

Il giorno fissato arrivò. Da lontano e da vicino la gente si riuniva, e affollava le grandi gallerie dell'arena, e le persone, che non potevano entrare, si ammassavano per le mura circostanti.
Il re e la sua corte erano ai loro posti, con all'opposto le due porte, quei portali del destino, così terribili nella loro similitudine.

Tutto era pronto. Il segnale fu dato. Una porta al di sotto della festa reale si aprì, e l'amante della principessa entrò nell'arena.
Alto, meraviglioso, bello, la sua apparizione fu salutata da un basso ronzio di ammirazione e d'ansia. Metà del pubblico non sapeva che un giovane così grande vivesse tra loro. Non c'era meraviglia del perchè la principessa l'avesse amato! Che cosa terribile per lui essere lì!

Come il giovane avanz√ɬ≤ nell'arena si gir√ɬ≤, come costume, per inchinarsi al re, ma non pensava affatto a quel personaggio reale. I Suoi occhi erano fissi sulla principessa, che sedeva a destra del padre. Se non fosse stato per la sua met√ɬ† di barbarismo nella sua natura √ɬ® probabile che la signora non sarebbe stata l√ɬ¨, ma la sua anima intensa e fervida non le permetteva di essere assente in un'occasione nella quale ella era cos√ɬ¨ terribilmente interessata. Dal momento in cui l'ordinanza era andata avanti che il suo amante dovesse decidere il suo fato nell'arena del re, non aveva pensato ad altro ,notte o giorno, che a questo grande evento e ai vari soggetti connessi con esso. Dotata di pi√ɬĻ potere, influenza, e forza di carattere di qualsiasi altro che fosse mai stato interessato in un caso come questo, ella aveva fatto ci√ɬ≤ che nessun'altra persona avesse fatto prima, - possedeva lei stessa il segreto delle porte. Sapeva in quali delle due stanze, che stavano dietro quelle porte, ci fosse la gabbia della tigre, con la sua fronte aperta, e quella in cui aspettava la signora.
Attraverso queste dure porte, pesantemente guarnite con pellami all'interno, era impossibile che qualsiasi rumore o suggerimento potesse giungere alla persona che dovesse avvicinarsi ad aprirne il chiavistello. Ma l'oro, e l'amore della volontà di una donna, avevano dato il segreto alla principessa.

E, non solo conosceva in quale stanza stava la signora pronta ad uscire, tutta arrossita e raggiante, se ne fosse stata aperta la porta, ma sapeva chi era la signora. Era una delle pi√ɬĻ belle ed amorevoli delle damigelle della corte che era stata selezionata come ricompensa della persona accusata, se fosse stato innocente del crimine di aspirare ad una cos√ɬ¨ pi√ɬĻ in alto di lei: e la principessa la odiava. Magari spesso aveva visto, o immaginato d'aver visto, questa bella creatura gettare sguardi di ammirazione sulla persona del suo amante, e qualche volta pensava che questi sguardi erano percepiti ed anche ricambiati. Ogni tanto li aveva visti parlare insieme; magari per un momento o due, ma molto pu√ɬ≤ essere detto in un breve spazio; magari si trattava maggiormente di argomenti poco importanti, ma come poteva saperlo? La ragazza era amorevole, ma aveva osato alzare lo sguardo sull'amante della principessa; e, con tutta l'intensit√ɬ† del sangue selvaggio trasmessole attraverso lunghe linee di antenati completamente barbari, ella odiava la donna che arrossiva e tremava dietro la porta silente.

Quando il suo amante si gir√ɬ≤ e la guard√ɬ≤, e i suoi occhi incontrarono quelli di lei mentre sedeva, pi√ɬĻ pallida e bianca di chiunque altro nel vasto oceano di facce ansiose per lei, egli vide, per mezzo di quel potere di veloce percezione che √ɬ® dato a coloro che hanno un'anima univoca, che lei sapeva dietro quale porta stava acquattata la tigre, e dietro quale stava la signora. Egli si aspettava che lei lo sapesse. Egli capiva la sua natura, e il suo animo era rassicurato che lei non si sarebbe fermata fino a che avesse realizzato ci√ɬ≤, nascosta agli altri presenti, anche al re. La sola speranza per il giovane nel quale c'era ogni elemento di certezza era basata sul successo della principessa nello scoprire questo mistero; e nel momento in cui lui la guard√ɬ≤, egli vide che lei aveva avuto successo, come nel suo animo sapeva che ci sarebbe riuscita.

Poi ci fu uno sguardo veloce ed ansioso del giovane che pose la domanda: √Ę‚ā¨ŇďQuale?√Ę‚ā¨¬Ě Fu semplice per lei come se lui la urlasse da dove stava. Non c'era un istante da perdere. La domanda fu chiesta in un lampo; doveva essere risposta in un altro lampo.

Il suo braccio destro era adagiato sul parapetto di cuscino al suo fianco. Ella alzò la mano, e fece un leggero, movimento veloce verso la destra. Solo il suo amante la vide. Tutti tranne i suoi occhi erano puntati sull'uomo nell'arena.

Si girò e con un rapido e fermo passo camminò nello spazio vuoto. Ogni cuore si fermò, i respiri trattenuti, tutti gli occhi erano posti irremovibilmente su quell'uomo. Senza la minima esitazione, andò verso la porta destra, e l'aprì.

Ora, il punto della storia è questo: Uscì la tigre da quella porta, o uscì la signora?

Pi√ɬĻ riflettiamo su questo argomento, pi√ɬĻ √ɬ® difficile rispondere. Ha bisogno di uno studio del cuore umano che ci conduce in devianti labirinti di passione, al di fuori dei quali √ɬ® difficile trovare la nostra via. Pensateci, cari lettori, non come se la decisione della questione dipendesse da voi, ma da quella principessa, dal sangue caldo e semi-barbara, con la sua anima calda tra i fuochi combinati della disperazione e della gelosia. Lei lo aveva perso, ma chi lo avrebbe avuto?

Quanto spesso, al suo risveglio e nei suoi sogni, cominciava con orrore selvaggio, e copriva il suo volto con le mani mentre pensava al suo amato che apriva la porta sull'altro lato nella quale aspettavano le zanne crudeli della tigre!

Ma quanto ancor pi√ɬĻ spesso lo aveva visto all'altra porta! Come nelle sue angosciose immaginazioni aveva digrignato i denti, e strappato i suoi capelli, quando vedeva l'inizio della delizia estasiata se l'amato avesse aperto la porta della signora! Come la sua anima esplodeva d'agonia quando l'aveva visto correre per incontrare quella donna, con le sue linde guance ed occhi scintillanti di trionfo; quando la vedeva condurlo in avanti, con il suo portamento reso di nuovo gentile dalla vita salvata; quando avrebbe sentito le urla felici della moltitudine, ed il selvaggio scampanellare delle campane a festa; quando avrebbe visto il prete, con i suoi gioiosi accompagnatori, avanzare verso la coppia, e sposarli davanti ai suoi occhi; e quando li avrebbe visti andar via sul passo cosparso di fiori, seguiti dalle tremenda grida di moltitudini allegre, nelle quali il suo urlo disperato sarebbe stato perso e soffocato!
Non sarebbe stato meglio per lui morire di colpo, ed andare ad aspettarla nelle regioni benedette di una futurità semi-barbarica?
E allo stesso tempo, quella terribile tigre, quelle urla, quel sangue!

La sua decisione fu indicata in un istante, ma fu fatta dopo giorni e notti di angosciosa deliberazione. Sapeva che cosa le sarebbe stato chiesto, aveva deciso cosa rispondere, e senza la minima esitazione, mosse la sua mano verso destra.

La questione della sua decisione non è da considerarsi con leggerezza, e non sta a me presumere di pormi come colui che possa rispondere. E così ve la lascio con tutti voi: Chi uscì dalla porta aperta, - la signora, o la tigre?

FINE

top




Sito del progetto Humus
Intervento di Cooperazione Internazionale a favore delle Vittime di CHERNOBYL





www.vita.it - non profit online

IN BACHECA

cartolina di Natale

locandina spettacolo teatrale

locandina spettacolo teatrale

Protocollo d'intesa

PROTOCOLLO D'INTESA
Italia - Bielorussia


La Casa Famiglia

Accoglienza dei bambini di Begoml 27 maggio - 1 luglio 2005

Il progetto "UNA CASA FAMIGLIA" per i bambini di Begoml
C/C BANCARIO 23437/11 - ABI 3002 - CAB 05029 - CIN Q


Logo Fondazione PFIZER il progetto Ť stato realizzato con il contributo della FONDAZIONE PFIZER

Laboratorio Permanente

Laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio

Youth Action for Peace
Logo Pax Christi Roma
Logo Rivista Libera
Logo Rivista Mondialitŗ
Comunitŗ Exodus
Logo Gruppo Fonderia
Logo Comunitŗ di Sant Egidio
Logo L'Isola che non c'era
cartolina di Natale
auguri di Natale 2004
Bandiera della Pace
Logo Anno Europeo dei Disabili 2003

Logo di Cittadinanza ai disabili mentali in povertŗ