info@ilcavallobianco.it
INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: "TUTTI IN CAMPO PER UNA CITTA' MULTICULTURALE 2005" l'idea di un "laboratorio permanente delle diversitÓ sul territorio" Ŕ alla base dell'iniziativa che si svolgerÓ a Roma dal 26 maggio al 1 luglio 2005 si svolgerÓ a Roma la Quattordicesima Edizione della manifestazione ôTUTTI IN CAMPO PER UNA CITT└ MULTICULTURALE ľ XIV EDIZIONEö, festa di sport, cultura e integrazione sociale. ... -> ... INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: - UNA CASA FAMIGLIA PER I BAMBINI DI BEGOMEL - vuoi partecipare al progetto per realizzare una casa famiglia per i Bambini di Begomel, a Minsk, Bielorussia, puoi contattarci a info@ilcavallobianco.it, ed inviare il tuo contributo al conto dell'Associazione Il Cavallo Bianco, C/C BANCARIO 23437/11 ABI 3002 CAB 05029 CIN Q. APPUNTAMENTI: Giovedý 23 giugno 2005, ore 21,00 - Happening Teatrale "PINOCCHIO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE" Oratorio Parrocchia S. Stanislao - Via Rolando Vignali, 15 Roma (CinecittÓ Est) .... -> ...

ARGOMENTI

[ Home Page ]


..: TUTTI IN CAMPO :..

Cittadinanza Attiva

L'Associazione

Impegno Civile e Impegno Sociale

Progetti

Handicap e Sessualità

IntegrAzione

Cultura

Scripta Manent - Pensieri e Parole

Teatro e dintorni

Sport ed espressività

I Bambini di Begoml

La rete

Rassegna Stampa

Testimonials







LOGIN
REDATTORI









Cooperativa TANDEM

immagine Rivista Animazione Sociale

Logo Caritas

locandina del film - il ronzio delle mosche - di Dario D'Ambrosi


Logo Disabili .com - oltre le barriere
Cittadinanza Attiva

Di Paola ha già comprato 3 caccia F-35
E nel 2012 ha speso 1.300 milioni di euro in più per le armi.

L'Italia ha già acquistato tre esemplari del cacciabombardiere. E nel 2012 ha speso 1.300 milioni di euro in più per le armi. Ora la Camera dovrebbe votare la riforma della Difesa.


Fonte: www.famigliacristiana.it

Spese militari, non c'├â┬Ę crisi che tenga

11/12/2012

La crisi non ferma i generali e gli acquisti di armi. Alla vigilia del voto parlamentare sulla legge che delega il Governo a riformare le Forze armate (la Camera dovrebbe esprimersi definitivamente marted├â┬Č 11 dicembre), si scopre che nel corso dell'anno che sta per finire i vertici delle nostre Forze armate sono riusciti ad aumentare la spesa per gli armamenti di altri 1.300 milioni di euro portando la quota destinata ai sistemi d'arma dal 18 al 28% del totale della "funzione difesa" messa a bilancio, al netto degli stipendi e delle spese d'esercizio (addestramento, munizioni, ecc.). Non solo. Il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, ha gi├â┬á ordinato l'acquisto di tre cacciabombardieri F-35 impegnando altri 270 milioni.

I dati sono emersi nel corso dell'audizione del segretario generale della Difesa e direttore nazionale degli armamenti, generale Claudio Debertolis organizzata dalla Commissione Difesa lo scorso 5 dicembre. Dunque oggi sappiamo che:

1. il programma di acquisto degli F-35 non si ├â┬Ę mai arrestato, nonostante il 28 marzo scorso il Parlamento avesse deciso di "rinviare qualunque decisione relativa all'assunzione di impegni per nuove acquisizioni nel settore dei sistemi d'arma, sino al termine del processo di ridefinizione degli assetti organici, operativi e organizzativi dello strumento militare italiano";

2. il primo dei tre caccia F-35 sarà consegnato all'Italia nel gennaio 2015 e l'ultimo, il 90°, sarà consegnato nel 2027. Dunque comprando gli F-35 stiamo caricando un ulteriore debito pubblico sulle spalle dei nostri giovani che lo dovranno pagare per altri 15 anni;

3. nessuno sa ancora oggi quanto ci costa un F-35, quanto pagheremo i primi 3 già ordinati e soprattutto quanto - complessivamente - pagheremo i 90 che i generali vogliono comprare. Per farsi un'idea basti sapere che in soli 10 mesi, dal 1 febbraio al 5 dicembre 2012, data della prima e della seconda audizione del generale Debertolis, il costo di un F-35 indicato dal ministero della Difesa - passato da 80 a 90 milioni di euro. E' legittimo chiedersi: quanto crescerà il conto da qui al 2027?;

4. nessuno ci ha ancora detto ufficialmente quanto ci costerà la gestione di questi 90 F-35. Per farsi un'idea bisogna andare in Canada dove il Governo sta seriamente pensando di non comprare più gli F-35. Leggendo i loro documenti si evince che per la gestione degli F-35 (tempo di vita 36 anni) l'Italia dovrà spendere non meno di 50 miliardi di euro;

5. i soldi sono certi. I posti di lavoro sono un sogno. I 10-12.000 posti di lavoro prospettati dall'ammiraglio Di Paola rischiano seriamente di rimanere un pio desiderio. Non ci sar├â┬á alcun aumento dell'occupazione. Tutt'al pi├â┬╣ daremo un lavoro a quelli che lo perderanno nel 2018. Ma anche questo ├â┬Ę solo un auspicio. Al momento gli occupati previsti non superano gli ottocento;

"I tagli di bilancio non ci preoccupano", ha precisato il generale Debertolis. "Fanno soltanto scorrere il programma nel tempo e provocano un aumento dei costi del singolo velivolo".

Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace

top




Sito del progetto Humus
Intervento di Cooperazione Internazionale a favore delle Vittime di CHERNOBYL





www.vita.it - non profit online

IN BACHECA

cartolina di Natale

locandina spettacolo teatrale

locandina spettacolo teatrale

Protocollo d'intesa

PROTOCOLLO D'INTESA
Italia - Bielorussia


La Casa Famiglia

Accoglienza dei bambini di Begoml 27 maggio - 1 luglio 2005

Il progetto "UNA CASA FAMIGLIA" per i bambini di Begoml
C/C BANCARIO 23437/11 - ABI 3002 - CAB 05029 - CIN Q


Logo Fondazione PFIZER il progetto Ŕ stato realizzato con il contributo della FONDAZIONE PFIZER

Laboratorio Permanente

Laboratorio permanente delle diversitÓ sul territorio

Youth Action for Peace
Logo Pax Christi Roma
Logo Rivista Libera
Logo Rivista MondialitÓ
ComunitÓ Exodus
Logo Gruppo Fonderia
Logo ComunitÓ di Sant Egidio
Logo L'Isola che non c'era
cartolina di Natale
auguri di Natale 2004
Bandiera della Pace
Logo Anno Europeo dei Disabili 2003

Logo di Cittadinanza ai disabili mentali in povertÓ