info@ilcavallobianco.it
INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: "TUTTI IN CAMPO PER UNA CITTA' MULTICULTURALE 2005" l'idea di un "laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio" Ť alla base dell'iniziativa che si svolgerŗ a Roma dal 26 maggio al 1 luglio 2005 si svolgerŗ a Roma la Quattordicesima Edizione della manifestazione ďTUTTI IN CAMPO PER UNA CITTņ MULTICULTURALE Ė XIV EDIZIONEĒ, festa di sport, cultura e integrazione sociale. ... -> ... INIZIATIVE DI CITTADINANZA ATTIVA: - UNA CASA FAMIGLIA PER I BAMBINI DI BEGOMEL - vuoi partecipare al progetto per realizzare una casa famiglia per i Bambini di Begomel, a Minsk, Bielorussia, puoi contattarci a info@ilcavallobianco.it, ed inviare il tuo contributo al conto dell'Associazione Il Cavallo Bianco, C/C BANCARIO 23437/11 ABI 3002 CAB 05029 CIN Q. APPUNTAMENTI: Giovedž 23 giugno 2005, ore 21,00 - Happening Teatrale "PINOCCHIO NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE" Oratorio Parrocchia S. Stanislao - Via Rolando Vignali, 15 Roma (Cinecittŗ Est) .... -> ...

ARGOMENTI

[ Home Page ]


..: TUTTI IN CAMPO :..

Cittadinanza Attiva

L'Associazione

Impegno Civile e Impegno Sociale

Progetti

Handicap e Sessualità

IntegrAzione

Cultura

Scripta Manent - Pensieri e Parole

Teatro e dintorni

Sport ed espressività

I Bambini di Begoml

La rete

Rassegna Stampa

Testimonials







LOGIN
REDATTORI









Cooperativa TANDEM

immagine Rivista Animazione Sociale

Logo Caritas

locandina del film - il ronzio delle mosche - di Dario D'Ambrosi


Logo Disabili .com - oltre le barriere
I Bambini di Begoml

VIAGGIO IN BIELORUSSIA

- una riflessione ad alta voce -

Il prossimo 26 aprile ricorreranno 10 anni dal disastro di Chernobyl. Chernobyl √ɬ® ormai divenuto nell'immaginario comune sinonimo di paura, morte nucleare e distruzione. Qualcosa di simile e per certi versi pi√ɬĻ atroce di Hiroshima e Nagasaki.
Allo stesso tempo, è avvenuta una sorta di rimozione generale, un irrazionale istinto di sopravvivenza porta la massa a negare l'evidenza del pericolo enorme di decine di centrali nucleari nel mondo, ancora in attività, ma non soggette ad una adeguata e costante opera di manutenzione.
è di qualche mese fa la notizia di alcune crepe, che si sono aperte nella centrale di Chernobyl: ufficialmente, si è verificato solo un guasto, che non ha però portato a dispersioni radioattive. Solo nell'ex URSS, sono almeno 17 le centrali a rischio, che non potranno mai essere chiuse o risanate, se non interverrà economicamente la Comunità Internazionale.
Parliamo di Chernobyl in una rivista di turismo, perchè proprio durante un viaggio di piacere siamo incappati negli effetti della nube radioattiva.
Eravamo in Bielorussia, come tanti italiani ultimamente, chi per affari, chi per battute di caccia e chi, come noi, per visitare uno splendido paese.
La zona di Minsk offre al turista un paesaggio naturale intatto. Le grandi strade che collegano l'aeroporto alla città o alle cittadine vicine sono caratterizzate dagli intensi boschi, che le accompagnano ai lati.
Le chiese ortodosse e cattoliche di Minsk sono piccoli gioielli da gustare, tra gli imponenti palazzi governativi risalenti al periodo sovietico.
Negli ultimi anni, inoltre, sono stati aperti supermercati, caffè ed alberghi gestiti da europei.
La metropolitana collega agevolmente tutta la città di Minsk: ogni stazione è caratterizzata da affreschi, mosaici e lampadari degni di un palazzo imperiale. Ciò perchè la metropolitana venne costruita, affinchè servisse anche da rifugio antiaereo.
Casualmente, ci √ɬ® stato mostrato l'Ospedale di Minsk. √ÉňÜ pieno di bambini con la leucemia o con il cancro alla tiroide. Questo √ɬ® l'effetto Chernobyl, ancora oggi.
Diversi scienziati hanno rilevato alti gradi di radioattività in Bielorussia, con una distribuzione a macchia di leopardo tra Chernobyl (Ucraina) e Minsk.
In diverse zone, il terreno √ɬ® ad alta contaminazione, ma si continua la coltivazione ordinaria, producendo di conseguenza cibi radioattivi. √ÉňÜ soprattutto attraverso l'ingestione di alimenti contaminati che i bambini contraggono i tumori.
A fronte di ciò, è nata una grande gara di solidarietà tra organizzazioni di volontariato di tutta Europa, per portare medicinali e viveri, per adottare i bambini degli orfanotrofi e per ospitare per alcuni mesi i bambini malati.
Tra le associazioni italiane, siamo venuti in contatto con la PUER, emanazione della Caritas Diocesana di Roma. La PUER porta in Italia ogni anno pi√ɬĻ di quattromila bambini dei villaggi e degli orfanotrofi bielorussi, che vengono ospitati per almeno due mesi da famiglie collegate alle parrocchie.
I bambini provengono da zone ad alta contaminazione: dopo quaranta giorni riacquistano il 60% delle difese immunitarie. Ciò grazie all'aria mediterranea e all'ingestione di alimenti non contaminati.
I bambini arrivano in Italia con la propria classe e i propri insegnanti e, durante il soggiorno italiano, continuano il normale ciclo scolastico quotidiano. A sera e nei giorni festivi vivono la vita delle famiglie italiane, che li ospitano.
In questi ultimi anni, molti bambini sono tornati pi√ɬĻ volte in Italia: ci√ɬ≤ ha contribuito ad intensificare e migliorare il programma di intervento medico ed alimentare.
Parlare di turismo oggi non può significare solo viaggiare e visitare cittò sconosciute.
Parlare di turismo oggi deve significare sempre pi√ɬĻ coinvolgersi come singoli e come persone in una dimensione di mondialit√ɬ†, che ci renda coscienti e consapevoli della realt√ɬ† dei singoli Paesi.
Fare turismo deve significare svago e cultura, ma anche rispetto delle persone che vivono nei paesi che ci ospitano.
Due piccole e personali proposte.
Diffidare delle offerte a costi troppo bassi delle agenzie di viaggio, specie quelle per i Paesi notoriamente in difficoltà economica. Spesso, in questi casi, il guadagno è dell'agenzia e del mediatore del posto, quasi nullo per la popolazione locale.
Provare ad ospitare per qualche mese i bambini provenienti da zone contaminate, da paesi in guerra o da regioni affamate. Esistono centinaia di organizzazioni di volontariato in tutte le principali nazioni occidentali, che possono creare il primo contatto ed avviare una qualificante esperienza umana di solidarietà.

GIOVANNI SANSONE
"Turismo per tutti" - trimestrale - anno III n. 11 - Gennaio/Marzo 1996 - pubblicazione promossa nell'ambito del progetto "Turismo per tutti" dell'Assessorato al Turismo della Regione Lazio

top




Sito del progetto Humus
Intervento di Cooperazione Internazionale a favore delle Vittime di CHERNOBYL





www.vita.it - non profit online

PROGETTO
CASA FAMIGLIA

foto di Pinocchio - spettacolo teatrale


Il progetto "CASA FAMIGLIA" per i bambini di Begoml
C/C BANCARIO 23437/11 - ABI 3002 - CAB 05029


Accoglienza dei bambini di Begoml 26 maggio - 27 giugno 2003

Un'Azione Umanitaria - Analisi e Statistiche

La storia dell'Internato di Begoml - Minsk - zona Chernobyl -Bielorussia

Dall'Orfanotrofio al "Manicomio"

Difficoltŗ di INTEGRAZIONE lavorativa e sociale"

PROGETTO "PINOCCHIO - Casa delle arti e dei mestieri per adolescenti con disabilit psichica"

PROGETTO: "Laboratorio permanente delle diversitŗ sul territorio"


Bandiera della Pace

Logo Anno Europeo dei Disabili 2003
Youth Action for Peace
Logo Rivista Libera
Logo Rivista Mondialitŗ
Comunitŗ Exodus
Logo Gruppo Fonderia